Cessione del quinto dipendenti

Cessione del quinto dello stipendio 

  La cessione del quinto è una forma di finanziamento concessa ai lavoratori dipendenti a tempo indeterminato, statali, pubblici e privati.

Questa forma di prestito prende il nome dalla tipologia di contratto che prevede la concessione di un finanziamento a fronte di un rimborso mediante cessione di quota dello stipendio.

La rata rimane fissa per tutta la durata del finanziamento e trattenuta direttamente dal datore di lavoro.

La rata può essere individuata nel quinto massimo dell'ammontare complessivo dello stipendio.

Il piano di restituzione del prestito, in base alle esigenze di chi lo richiede, può arrivare ad un massimo di 10 anni.

La cessione del quinto è un finanziamento con molti aspetti positivi, tra questi come anzi detto:

  • comodo nel rimborso
  • durata fino a 120 mesi
  • tasso fisso per tutta la durata del finanziamento
  • impegno e firma singola
  • non richiede il coinvolgimento di familiari e conviventi
  • nessun vincolo di destinazione (non occorre motivare la richiesta salve le esigenze di cui Dlgs. 231/2007)
  • concessione valutabile anche in presenza di pregressi disguidi finanziari

 

Il finanziatore  predispone con oneri a proprio carico (nel caso della cessione del quinto ad esecuzione di obblighi di legge) le polizze assicurative a copertura dei rischi di perdita della vita e di insolvenza per perdita dell'impiego.  

Sull'argomento (grado di copertura, eventuale surroga della compagnia, effetti sugli eredi,  etc.) si fa rinvio all'area trasparenza: contenuti dei contratti di finanziamento, SECCI, fascicoli informativi assicurativi.

 

Documenti richiesti per l'apertura della pratica: 

  • certificato di stipendio
  • ultime due buste paga
  • copia di un documento di identità valido
  • codice fiscale o tessera sanitaria

La cessione del quinto consente di realizzare serenamente i tuoi progetti con un piano di rimborso dilazionato secondo il periodo da Te ritenuto più adeguato.